Nils and Bianca

Nils e Bianca sono insegnanti, ballerini e coreografi a tempo pieno, nonché membri della nazionale svedese di lindy hop e boogie woogie. Insieme hanno vinto molte gare, compresi i campionati nazionali svedesi. Sia Bianca che Nils si sono appassionati alla musica e al ballo swing molto giovani. I loro percorsi si sono incrociati quando Bianca si è trasferita in Svezia a 16 anni e hanno iniziato ad esibirsi e gareggiare insieme.
Amano la danza swing perché porta gioia tra le persone, ma anche perché è più di un ballo: ha un potente significato e una grande storia. La danza li sfida nel continuare a praticare, creare ed esprimersi.
L’obiettivo di Bianca e Nils è quello di farti diventare il miglior ballerino possibile se sei un allievo e di farti divertire se sei uno spettatore dei loro show.

Vincenzo and Moe

Vincenzo Fesi è un ballerino, insegnante e coreografo, ospite dei più prestigiosi festival internazionali di tutto il mondo.
Ha un metodo didattico unico sviluppato con l’esperienza di tanti anni nel settore e sprigiona nell’insegnamento, così come in scena, un’energia davvero contagiosa.
 
Moe Sakan è ballerina e insegnante, orgogliosa di aver vinto numerose competizioni a livello internazionale. Nel 2017 è stata inserita nella Hall of Fame di Camp Hollywood. Moe viaggia in tutto il mondo condividendo la sua passione per l’insegnamento e le esibizioni di lindy hop, balboa e shag.

Fredrik Dahlberg

Fredrik Dahlberg è nato e cresciuto in un quartiere-bene di Stoccolma est, dove passava il suo tempo ascoltando hip-hop e giocando a basket e non aveva mai pensato di diventare un ballerino! Visto il suo temperamento ribelle, ad un certo punto ha deciso di trasferirsi nella parte sud della città e ha iniziato a interessarsi alla musica jazz vintage. Uno dei suoi amici l’ha convinto a prendere lezioni di lindy hop, ma all’inizio era un disastro, confondeva la destra con la sinistra, il sotto con il sopra. Come ha fatto ad entrare nella compagnia di ballo “The Hot Shots”? Con un briciolo di fortuna e grande forza di volontà. Con uno stile personale inconfondibile e nuove idee, ha portato una ventata d’aria fresca alla scena swing. Ha iniziato il tap (e continua a provarci) e si è specializzato nel lindy hop, nel charleston e nel vernacular jazz. Gira il mondo in tournée con gli Hot Shots. Gli spettatori lo guardano e pensano: “Ma quest’uomo ce le ha le ossa in corpo?” Ha insegnato in tanti festival ed eventi internazionali, come Frankie 100, Herräng Dance Camp, Camp Jitterbug e si è esibito in tutto il mondo.

Hornsgatan Ramblers

Gli Hornsgatan Ramblers sono un ottetto Jazz di Stoccolma. Sono specializzati nello swing anni ’30 e ’40  e cercano di emulare il sound di giganti come Duke Ellington, Count Basie e Benny Goodman con arrangiamenti e adattamenti originali, che hanno dato ai Ramblers uno stile unico. 

La loro musica è ascoltata e apprezzata in vari paesi del mondo, tra cui Corea, Cina, Grecia, Italia, Germania, Finlandia, Turchia, Danimarca, Lituania, Regno Unito, Belgio, Olanda e tanti altri. E ovviamente nel loro Paese, la Svezia. 

La band è stata fondata nel 2009, quando una coppia di danzatori swing di Stoccolma ha deciso di iniziare a suonare la musica che amavano ballare. Il nome della band viene da una strada del quartiere di Stoccolma dove si trova il famosissimo Chicago Swing Dance Studio e dove si sono svolte le prime prove.

Alcuni membri della band ballano nella compagnia swing The Hot Shots, insegnano lindy hop, hanno vinto numerosi premi e fanno parte della giuria di svariati concorsi swing in tutto il mondo. 

Monday Orchestra

La prima band che vi presentiamo è la Monday Orchestra diretta da Luca Missiti, composta da 18 musicisti che vantano numerosi anni di esperienza in ensemble consolidati in tutta Italia.
Il progetto nasce con l’obiettivo di mettere insieme i migliori musicisti e creare un organico capace di rivisitare i classici dello swing e gli standard del jazz, ma anche brani pop o funk

Hot Gravel Eskimos

L’ottetto de gli “Hot Gravel Eskimos” riscopre il piacere della tradizione jazzistica per mezzo dell’esecuzione di un repertorio musicale di brani noti e meno noti della terza e quarta decade del secolo scorso, attraverso l’uso di strumentazione d’epoca, orchestrazioni fedelmente riprodotte dagli antichi dischi a 78 giri e, ultimo ma non meno importante, l’impiego di look ed una presenza scenica ispirate alle mode della “Swing era”.

La band, sempre più protagonista di tutti i festival europei ed italiani del Lindy hop, è guidata da Mauro L. Porro, che abbiamo l’onore di avere – sin dagli albori – come direttore artistico per i nostri sabato dello swing e che è da sempre considerato a livello internazionale come il più brillante interprete italiano della musica “hot jazz”.